La Nostra Storia

quadrochesi420

Questa attività è nata nel 1885 come affilatura di ferri da taglio ad opera di mio nonno e del mio bisnonno, quando lasciarono la Val Rendena e si spostarono, con una mola a pedale, verso Innsbruck. In quel luogo il lavoro non era abbondante per cui decisero, nel 1888, di scendere in Romagna, e risalirono le valli del Senio e del Lamone in cerca di lavoro.

A quell’epoca il lavoro si effettuava in modo itinerante, spostandosi con la mola al domicilio dei clienti. Poichè gli affari cominciarono ad andare meglio decisero di fermarsi a Faenza, in una bottega in Corso Saffi al n. 30, come dimostra la fattura datata 31 dicembre 1904. 

In questa bottega, già dal 1903, rivoluzionarono il modo di affilare ed abbandonarono l’affilatura azionata a pedale o a manovella per passare ad un “impianto per sostenere le mole che venivano azionate da un motore elettrico”.

Nel 1906 l’attività si trasferì nel fabbricato di Monsignor Lanzoni, sito nell’allora Piazza Vittorio Emanuele (oggi Piazza del Popolo) al n. 16. Da quel momento non fu più solo affilatura ma anche lavoro su ferro ed incisioni su vetro, come dimostra il diploma del 1909 conferito con la partecipazione alla fiera di Bologna che trovate in cima alla pagina.

In quella sede rimarrà fino al 1991, per poi raggiungere l’attuale sede di Corso Matteotti 6/b. Con il trascorrere degli anni, e il variare delle esigenze della clientela, sono stati introdotti nuovi settori merceologici che spaziano dagli accessori per cucinare a quelli per il tempo libero.